MTB Backpacked, 5 giorni sulle Alpi

MTB Backpacked, 5 giorni sulle Alpi

5 giorni sulle alpi, 198 km di sentieri, 6743 mt di dislivello, con la tenda e in completa autonomia tra Italia, Svizzera e Austria.

Nota: questa avventura ripercorre l'itinerario che si effettua durante il Dreilander Tour ufficiale che si svolge con il servizio di trasporto bagagli e i pernottamenti in Hotels. Scopri tutto sul Dreilander Tour

Ci sono avventure che si programmano con mesi di anticipo altre che nascono e prendono vita in pochi giorni sull'onda di un viscerale bisogno di avventura e libertà. questa è una di quelle.

Quando arriva la chiamata so che devo essere pronto, dovrò rispondere si o no.

Il mio caro amico Giò ci è abituato e sa che quando lo chiamo e gli dico "ho un'idea ci stai?" lui deve dire si o no. Per fortuna la sua forma fisica e i suoi allenamenti gli consentono di fare poche domande e accettare proposte oscene con un buon margine di possibilità di farcela. Questa storia inizia con questa immagine; siamo noi due. 
Siamo arrivati all'ultima tappa, Livigno, abbiamo piazzato la tenda per l'ultima volta e stiamo andando a mangiare la pizza! Di tutte le foto fatte in questo tour questa è quella che mi piace di più, la più evocativa e ricca di significato.
Stiamo zitti e camminiamo ripensando a questi 5 giorni, alla nostra destra vediamo il passo Cassana che da Livigno ci ha portato in Svizzera a alla nostra sinistra l'Alpisella da dove siamo arrivati dopo aver passato la Svizzera, L'Austria, di nuovo la Svizzera e poi di nuovo a Livigno.

dreilander mountainbike tour 8
Il tour è finito andiamo a mangiare la pizza

L'idea

L'idea era semplice, ripercorrere le tappe del Dreilander Tour ma senza il servizio trasporto bagagli e senza pernottare negli hotel ma in tenda. L'idea era essere autonomi per un viaggio di 200 km tra Italia, Svizzera e Austria su sentieri alpini facendo alcuni tra i passi e le valli più note dell'Alta Rezia.

Si trattava di capire se fosse stato possibile portare una tenda, un sacco a pelo e tutto il necessario dentro uno zaino, metterlo sulle spalle e pedalarci in salita anche con tappe di 2000 mt di dislivello al giorno. Una cosa era certa, dovevamo portare lo stretto necessario rinunciando a molte cose e organizzando un bagaglio efficiente e impeccabile.

Ben diverso è arrivare, montare la tenda sotto la pioggia, mettersi degli abiti asciutti e la mattina dopo rimettersi gli abiti bagnati e ripartire, perchè poi è questo quello che è successo!

Si trattava anche di capire cosa sarebbe successo in caso di pioggia. Arrivare fradici alla fine di una tappa e andare in hotel, fare la doccia e andare a letto è un conto. Gli Hotels del Dreilander hanno anche la sauna e il servizio di lavanderia che ti fa trovare i vestiti asciutti e puliti il giorno dopo, si mangia bene e le stanze sono roba da nababbo.  Il giorno dopo sei come nuovo...come sarebbe stato invece nelle condizioni in cui volevamo affrontarlo noi? 
La soluzione c'era ed era semplice, se non ce l'avessimo fatta avremmo potuto sempre andare a bussare in un Hotel e farci una bella dormita.

dreilander mountainbike tour mappaEcco il giro: unica differenza la tappa arancione che avviene non dall'umbrail ma dalla val Mora.

Primo giorno - Da Livigno a Scuol (CH), la sfida del passo Cassana e già piove.

dreilander mountainbike tour cassanaLa Val Federia - La strada che sale verso il Passo cassana

Livigno – Chaschauna – Zernez – Susch – Lavin – Guarda – Ardez – F’tan – Scuol.

Distanza: 67.9 km
Dislivello: 1533 m

La sera prima della partenza siamo a Livigno e piove forte. Le previsioni non sono buone. Avremmo voluto campeggiare già questa notte anche se non abbiamo ancora tirato fuori tutto dalla macchina e non abbiamo ancora gli zaini e l'attrezzatura pronta nella sua versione Tour, è tutto in macchina. Alle 11 di sera siamo al bar Engadina a bere Taneda, un amaro alpino fatto con l'erba iva, fuori fa freddo e piove. Prendiamo la decisione di provare a cercare una camera.
Di fronte al bar c'è l'Hotel Bernina, io faccio la guardia alle tanede e Giò entra nell'Hotel. Esce con un sorriso. C'è posto.

La mattina della partenza pioviggina appena appena e decidiamo di partire. Il tempo di preparare tutto e la pioggia smette completamente. Dobbiammo fare il Passo Cassana che è un muro che separa l'Italia dalla Svizzera.

Partiamo e prendiamo subito confidenza con gli zaini carichi sulle spalle. Avevamo escluso la possibilità di usare le borse laterali perchè abbiamo delle Mtb Full e i sentieri sono troppo dissestati per l'uso di un portaborse.

La salita è davvero dura con lo zaino carico e la tenda sul manubrio (la tenda l'abbiamo divisa...pali su una bici e il resto sull'altra). Spesso dobbiamo scendere e spingere la bici. Il cielo è cupo e minaccia di piovere da un momento all'altro.

Nel giro di un paio di ore siamo in cima, il rifugio Cassana è chiuso e l'aria intorno a noi è lugubre.
Chiazze di neve quà e là ... siamo ad Agosto.
Siamo in cima sul confine tra Italia e Svizzera, incontriamo una coppia di biker che salgono dal versante opposto, sono stanchi e felici di essere in cima, la ragazza è evidentemente provata.
Per loro ora è tutto facile, una lunga cavalcata in discesa e saranno a Livigno, per noi è diverso ... dobbiamo fare tutta la valle Cassana, arrivare a S.Chanf e fare un bel pezzo di engadina tra sali e scendi.
Iniziamo la discesa e inizia anche a piovere...forte.

dreilander mountainbike tour 1La dicsesa dal passo Cassana verso l'Engadina

Ci fermiamo e ci mettiamo in modalità Vietnam, antipioggia ecc ecc. La discesa è lunga e si svolge in una valle selvaggia senza segni insediamento umano se non i recinti delle mucche e qualche fattoria.
Dopo circa un oretta di discesa siamo a S.Chanf dove ci innestiamo in Engadina. Siamo fradici e ghiacciati, ci ripariamo sotto un ponte di legno e mangiamo qualcosa. Ora vi confido una cosa: avrei voluto fermarmi e andare in un B&B a farmi un bagno caldo; chiedo a Gio "come va? Proseguiamo o ci fermiamo?".
Lui con il suo modo di fare ingenuo (immagino che non abbia capito che per arrivare a Scuol ci servivano ancora alcune ore) risponde "..andiamo, andiamo". Nel frattempo il cielo si apre, è confortante...sono d'accordo, restiamo in sella.

Riprendiamo a pedalare, costeggiamo l'Inn uno stupendo fiume che si snoda nella valle in un paesaggio degno del Canada. In seguito dobbiamo abbandonare l'Inn e salire in costa alla montagna...altra salita.
Pausa in un bar, il sole esce completamente e ci scalda..mangiamo un grosso panino all'aperto.
La sera finalmente raggiungiamo Guarda, decidiamo di fermarci qui; perchè andare a piazzare la tenda a Scuol che è una cittadella quando possiamo starcene in un piccolo paesino Svizzero a mezza costa tra pascoli verdeggianti?!

alpi mtb adventures 2 postcard
La fontana dove ci siamo lavati, il ristorante che ci ha dato riparo, il garage dove abbiamo dormito.

Viottoli, case di pietra, un solo ristorantino. Ci cambiamo e ci laviamo in una fontana, ci stiamo rilassando su un prato quando arriva un temporale, piove! Entriamo al ristorante per la cena senza sapere dove avremmo dormito quella sera.
Avremmo poi dormito in un garage aperto affianco ad un pickup! Infatti dopo cena spieghiamo al ristoratore cosa stiamo facendo e chiediamo consiglio su dove piazzare la tenda al riparo dalla pioggia. Ci invita a chiedere al proprietario di una fattoria li vicino nella speranza di poter dormire ne fienile. 
Ore 11 di sera, buio e pioggia...DRIIIN, suoniamo alla porta della casetta, ci apre un signore un pò stupito, in breve si rilassa e capisce che siamo innocui. Ci permette di mettere la tenda nel garage...siamo salvi.
La mattina successiva, sono le 8 e il cielo è cupo, umidità ovunque dobbiamo fare una cosa orrenda...rimetterci i vestiti tecnici bagnati che certamente durante la notte non si sono asciugati! Pochi secondi di sofferenza e tutto passa.

Secondo Giorno: da Scuol a Nauders passando per il canyon della Val Duina.

alpi mtb adventures 1 postcardLa parte finale del canyon

Scuol – Sur En – Galleria Val d’Uina – Sesvenna – Schlinig – Burgeis – Reschensee – Nauders.

Distanza: 56.8 km
Dislivello: 1778 m

La val Duina, un sentiero scavato nella roccia a strapiombo su un canyon... non vedevo lora di vederlo, ma prima avremmo dovuto arrampicarci. 
Riprendiamo l'Inn e scendiamo insieme a lui fino a raggiungere il punto dove imbocchiamo la Valle Duina, inizia la salita.
Dopo un paio di ore arriviamo ad un rifugio dal quale si intravede l'inizio del canyon e il taglio netto nella roccia...il sentiero.
Riposiamo, mangiamo e ripartiamo, c'è il sole, le previsioni danno bello e forse pioggia e freddo saranno solo un ricordo. Ci arrampichiamo su stretti tornati e passerelle con la bici in spalle ed ecco che iniziamo il sentiero extreme. C'è molta gente è stupendo, tutti sono emozionati, ci sono delle funi per tenersi ma è solo psicologico perchè il sentiero è largo e ben fatto.
Qualche galleria, un sacco di foto, e dopo un'ora siamo in cima, la dove la gola quasi di colpo lascia spazio ai pendii erbosi di una valle verdeggiante.

dreilander mountainbike tour 4

Al termine del sentiero scavato nella roccia, sarà per la stanchezza, sarà per la fame io e Giò litighiamo per una barretta. Non nel senso che dovevamo dividerci una barretta per carità (lui piuttosto morirebbe di fame per lasciarmi mangiare) ma per una stupidaggine assurda. Non ricordo neanche bene, sta di fatto che finisce che ci mettiamo a ridere come 2 deficienti e ripartiamo. Ne approfitto per chiederti scusa qui, pubblicamente, se sono stato scontroso caro amico mio.

Non è finita ora dobbiamo pedalare su un falso piano per arrivare allo Schlinig Pass e scendere in Val Venosta tornando quindi in Italia.
Il sentiero è adagiato sul fondo valle, intorno a noi il nulla. 

alpi mtb adventures 3 postcard

Nella discesa sbagliamo sentiero, il gps fa le bizze, ci troviamo in val Venosta ma più in basso di dove dovremmo essere quindi ora ci tocca riguadagnare quota per qualche chilometro per raggiungere Nauders in Austria.

Arrivati a San Valentino dobbiamo ammettere si essere cotti, non sappiamo dove montare la tenda ed è ormai  buio, ed ecco qui il nostro primo e unico cedimento. 

dreilander mountainbike tour 10

Durante la discesa troviamo un bellissimo laghetto alpino incorniciato da pini e prati verdi. Sono ispiratissimo e in pochi secondi siamo nudi e pronti a tuffarci.
La vista di un Bed&Breakfast ci fa letteralmente trasalire!

Proviamo a chiedere se c'è posto in un piccolo B&B, ora sentite un pò, cosa fareste se un simpatico signore vi proponesse quanto segue? "Andate su in camera, vi fate una bella doccia, scendete in ciabatte che vi preparo uno stufato con la polenta, dopo vi bevete una grappa e ve ne andate a dormire"

La risposta fu ovvia!

Terzo giorno: da Nauders (AU) a St. Maria Mustair (CH) attraverso la Val S. Charl 

Hop Hop, ci svegliamo nel lettone, nella stanza c'è un odore che è un mix tra un circo e una stalla. Però siamo riposati. Colazione, zaini in spalla e via perchè dobbiamo recuperare il pezzo di tappa che ieri ci siamo bevuti.
Le gambe sono ghisate (termine che indica uno stato dei muscoli poco elastico e più simile alla ghisa). Sulla carta dobbiamo fare un giro della madonna perchè dobbiamo salire a Nauders, salire ancora in costa e scendere in engadina di nuovo fino a Scuol per poi iniziare la vera salita. In pratica è come se dovessimo fare come riscaldamento pre salita un giro che da solo basta a farti andare a dormire.

Pranziamo a Nauders che si presenta completamente vuota, ordinata, pulita, un pò finta.
Arriviamo a Scuol (1243mslm) nel pomeriggio e ora dovremmo salire  al passo a 2000 mslm. Bhe. lo sapete che Scuol è famosa per le terme? Lo sapete che a Scuol c'è un bel campeggio? Così decidiamo di andare alle terme e fare la salita il giorno dopo. Ecco questa libertà di movimento è impagabile. Il dreilander fatto nella maniera classica non permette questa libertà per via degli Hotel che vi aspettano...a noi non ci aspetta nessuno :-)

  scuol terme postcard5
Alle terme di Scuol

dreilander mountainbike campeggio scuol Il campeggio di Scuol

Quarto giorno: Val S. Chair - S. Maria Mustair 

dreilander mountainbike tour 11 Val S. Chair

Questa tappa si svolge in maniera abbastanza tranquilla, è una tappa che non stupisce in particolar modo. E' un alternarsi di valli, sentieri e strade sterrate che si addentrano nei massicci al cospetto del Piz Sesvenna. Stupisce il fatto che in questa valle ci siano molti orsi, è simpatico vedere che i cestini sono blindati e chiusi con delle catene :-)
Dopo aver pranzato e dormito un pò stesi sull'erba nel bellissimo paesino di S.Chair arriviamo a S.Maria Mustair per una tranquilla notte in campeggio.

Quinto Giorno - S. Maria Mustair (CH) - Livigno (IT) la Val Mora e il Passo Trela

P1060455Il campeggio di ST. Maria Mustair

La sera prima per decidere in quale punto del boschetto mettere la tenda avevo guardato la bussola, volevo essere svegliato dal sole e non trovarmi all'umido. La bussola non ha sbagliato ed esattamente tra 2 alberi ecco il sole irraggiarsi tiepido sulla tenda. 

C'è un problema: i nostri culi sono brasati, salvati da uno stick di Labello!

C'è un problema: le nostre natiche sono doloranti, il peso dello zaino e le troppe ore in sella hanno creato un forte disagio nel punto dove il culo sfrega sulla sella. 
Dopo un attenta analisi decido che occorre fare qualcosa. La risposta è nello stick perle labbra di Giofunny.
Con il coltellino tagliamo una fettina a testa e andiamo in bagno. Si tratta di spalmare il "Labello" nel punto dove il sedere tocca la sella...non c'è da ridere e alla fine il risultato è lo stesso che si ottiene con le creme sottosella fatte apposta :-)

valmora mtb postcardLa Val Mora e lo stick per labbra che si ha "salvato il culo"

Ci alziamo e ormai con maestria smontiamo tutto, gli zaini pesanti sono già pronti e ce ne andiamo a fare colazione. Per le colazioni non si bada a spese, bignè, succhi, sfogliatine, strudel e caffè americano.

Inforchiamo la valle che ci condurrà nella val Mora un vallone incredibile, dolce e bucolico. La salita è lenta e lunga fino al passo omonimo. Mentre pedaliamo sul fondo valle un bimbo ci corre incontro da una baita. Ci mostra una fontana con una bottiglia di Coca Cola e dei bicchieri di plastica. Su un cartello ha scritto "1 bicchiere 50 cent". Accettiamo e concludiamo l'affare col bimbo Svizzero. Intanto la Madre suona il corno alpino e l'eco si sparge per tutta la valle. Sembra di essere in una puntata di Heidi. Non posso resistere alla tentazione di chiedere alla ragazza di farmi provare a suonare il corno.

mtb valmora tour
Il bimbo della Coca Cola e la ragazza del Corno Alpino

Da li iniziamo a scendere, poi entriamo in un punto dove la valle si fa stretta e il sentiero si inerpica sul fianco.
Mi sento quasi a casa perchè so che da li a poco arriveremo ai laghi di Cancano e poi saremo separati da Livigno solo dal Passo Trela o dal passo Alpisella a seconda del percorso che decideremo di fare.

dreilandertour con la tendaVal Mora quasi ai laghi di Cancano

Arrivavamo da 2 giorni in Svizzera dove il cibo è pessimo, non sanno fare la pizza e oltretutto i costi sono esorbitanti. La sera prima inoltre avevamo mangiato delle orrende salsiccette con un pezzo di pane raffermo; provate quindi ad immaginare cosa è successo quando arriviamo al rifugio val Fraele in territorio Italiano.

Nel primo pomeriggio arriviamo al Rifugio val Fraele sul lago di Cancano, ci sediamo fuori, c'è il sole, i tavoloni di legno.
Arriva una bella ragazza a portarci il menù. Avevamo così tanta fame che proponiamo alla ragazza di farci un piatto speciale apposta per noi con dentro tutto quello che c'era nel menu. Uova, polenta, bacon, salsiccia, salmì di cervo, capriolo, marmotta ecc ecc Scherzo...tuttavia credetemi mangiammo davvero tanto!

 Alla fine del lauto pasto un prato verde ci attendeva per dormire e dopo un'oretta di relax eravamo pronti per il grande trionfo, salire al passo Trela e scendere a Livigno.
La salita nella val Pettini è sempre dura e con quegli zaini ancora di più. 

Lentamente arriviamo alla Malga Trela e iniziamo la salita verso il passo omonimo.

malga trela La malga Trela della famiglia Rini di Bormio

Traffico in discesa! Arriviamo sul Passo Trela ..siamo ormai vicini a Livigno, si vede Trepalle in lontananza. Iniziamo la discesa insieme ad altri bikers che stanno facendo dei giretti li intorno e rimangono stupiti nello scoprire da dove arriviamo.

dreilander discesa val trela

L'arrivo a Livigno

Finalmente arriviamo a Livigno dopo aver fatto un sentierino tra i larici che sa di fiabesco.
Costeggiamo il lago in silenzio consci di essere riusciti a fare una cosa che era solo un idea. Arriviamo a Livigno e non c'è spazio per la poesia, minaccia di piovere abbiamo già fame.
In campeggio ci fanno piazzare la tenda in un metro quadro tra la rete e un casottino perchè essendo la settimana di Ferragosto non c'è posto.
Montiamo ancora una volta la tenda, facciamo la doccia ed eccoci (vedi la prima foto) camminare verso Livigno a caccia di una pizzeria dove mangiare e fare un riassunto dell'avventura. Pizza e birra.
L'epopea non finisce qui perchè inizia a piovere, forte. Corriamo in tenda che ormai diluvia, e passiamo la notte in compagnia di un gattino che si ripara sotto la tenda insieme a noi, sotto tuoni e lampi e un temporale interminabile.

 L'attrezzatura

Ecco in questa foto un riassunto delle cose che mi sono portato, zaino The North Face da Sci alpinismo anche se normalmente uso uno zaino Evoc, scarpe Mavic Alpine XL, Tenda Ferrino Chaos, mtb Specialized Epic Carbon, Casco Met, vestiti vari, sacchetti antipioggia vari della Vango, borraccia in alluminio, coltello svizzero, bussola, salviette, Navigatore Gps Etrex, antipioggia traspiranteThe North Face, kit first Aid della Vaude con forbicine, cerotti, disinfettante, guanti sterili, garze, steri-strip. Asciugamano in microfibra minuscolo della Ferrino e materassino gonfiabile Ultralight prestato da un amico.

dreilander backpacked 20

Per godere a pieno di questa avventura consiglio vivamente di iscriversi al DreilanderTour e approfittare dello stupendo servizio offerto. Trasporto bagagli e bellissimi hotels trasformeranno questa avventura in qualcosa di magico senza nulla togliere all'avventura.
Per info e domande non esitare a contatarci.

Spero che li racconto ti sia piaciuto e che sia fonte di ispirazione.
Graziano De Maio - Facebook- Instagram

Mtbtour.it - Vacanze in Mtb

©2017 MTBTOUR.IT Via Stefanardo da Vimercate 28
20128 Milano (MI)
PI 00865500144
CF DMEGZN73A10F205M
Powered by Gdmtech.it

Garmin fenix 3 navigatore mtb su Amazon